Roma: bestie straniere uccidono un carabiniere a coltellate!

Dunque, a Roma una sera qualsiasi ci sono le risorse boldriniane che ammazzano un carabiniere a coltellate.
Due bestie straniere -secondo la generosa definizione dei politici sovranisti, come se gli italiani non fossero capacissimi di fare tranquillamente di peggio- e un Mario Cerciello Rega che sembra fatto apposta per far piangere le mamme italiane: giovane, sorridente, appena sposato e tutto quanto il resto.
In capo a qualche ora vengono effettivamente rintracciati e fermati due extracomunitari.
Solo che sono due extracomunitari del tipo sbagliato perché sono nordamericani, ventenni e biondi.
Talmente integrati e talmente ossequiosi verso i valori occidentali che la prima cosa che hanno fatto una volta preso alloggio in uno hotel da duecento euro a notte è stato andare a cercare cocaina.
Christian Gabriel Natale Hjorth e Elder Finnegan Lee.
White, anglosaxon and protestant, a giudicare da nomi e cognomi.
Brutto affare, vero?

Roma: immigrato filippino oltraggia Traffik, il maestro Gianmarco Fagà!

La tracotanza e la protervia degli immigrati non hanno alcun limite.
In una bella giornata di inizio primavera del 2019 un immigrato filippino in un fast food di Roma ha osato rivolgere la parola al maestro Gianmarco Fagà, che in questo periodo è completamente assorbito dal difficile studio della Sinfonia Concertante in Mi Minore Opera 125 di Sergej Prokofiev, causandogli un esiziale scompenso neurovegetativo e obbligandolo a reagire con la necessaria e giusta violenza, purtroppo rivolta soltanto contro le cose.
“Volevo spiegare a tutti i ragazzi a tutti i miei fan a tutta Italia che il gesto che ho fatto a Burger King è perché il ragazzo filippino che lavora all’interno faceva tanto il simpatico il figo. Io sono tornato, nessuno fa il simpatico ok? Perché se non è oggi domani tra uno due tre mesi io so dove lavori, che cazzo fai il simpatico. Mongoloide so dove lavori, ti metto dentro la friggitrice. Non è che vado a disturbare chi lavora io. E’ quel ragazzo filippino che… si faceva tanto il figo eah eah Traffik esci dal locale non hai consumato io so’ tornato da solo e gli ho detto esci fuori esci fuori e gli ho tira’… ‘n vassoio ‘n faccia.
Vi voglio dire ragazzi io sono più di un anno che non faccio reati… e non temo nulla. Io ci ho un avvocato che è una spada ce n’ho ‘n altro che è ancora migliore…”
Questa la lineare e ineccepibile giustificazione del maestro Fagà, finita nel nulla per la stolta e cocciuta incomprensione delle forze dell’ordine e della giustizia penale, che non hanno voluto prendere in cosiderazione una linea di difesa così solida, così razionale, così fondata.
Dopo un paio di giorni infatti Gianmarco Fagà e un altro tizio che si fa chiamare Gallagher -invece che con quel Gabriele Magi con cui l’hanno iscritto all’anagrafe e che va bene per un ragioniere, ma non certo per uno destinato a stracciare l’Alighieri per l’altezza dei temi trattati e Carlo Emilio Gadda per la proprietà di linguaggio- sono stati messi in prigione perché un mese prima avevano picchiato questo, codesto e quello in un turbinìo di rapine, tirapugni e offese. Senz’altro avranno avuto i loro motivi, altrettanto articolati e razionali.

Ora basta ridere.
Tra cinque anni al massimo, ed è una stima generosa, il maestro Fagà e il maestro Magi avranno compiuto la loro parabola; i discografici li butteranno via come si buttano via gli inutili -tanto l’ambiente di elementi del genere ne produce a battaglioni- l’avvocato-spada e quello ancora migliore presenteranno il conto, la giustizia civile anche, i tatuaggi cominceranno a scolorirsi.
Nel caso migliore e debiti permettendo cercheranno di riciclarsi come neo perbene, percorso che per simili pìcari comprende di solito la ricerca di qualche giovane di pari livello in grado di renderli padri senza farla tanto lunga. Ricerca che diventa spasmodica con l’approssimarsi delle prime sentenze definitive.
Questo, nonostante l’esistenza in vita di questi due cialtroni buoni a nulla faccia pensare che almeno all’inizio degli anni Novanta dalle loro parti ci fosse ancora molto da fare in materia di contraccezione.
Nella nuova condizione di paparini dovranno fare miracoli per sconfiggere la memoria di ferro del web e spiegare diverse cosette a chiunque abbia la dabbenaggine di contattarli per quel posto di scaricatore al mercato ortofrutticolo. E dovranno senza alcun dubbio pietire benevolenza a portafogli di parenti e genitori, sempre che basti e sempre che il parentado non li abbia già classificati fra i soggetti da non avere fra i piedi nemmeno ai funerali.
Nel caso peggiore ci sarà invece un repentino spegnimento luci nei bagni di qualche bar, o una lenta uscita di scena in un monolocale di case popolari.
Per recuperare quanto resta di loro dovranno farsi strada fra cartoni di vino scadente ed escrementi di cane.