Roma. Paolino Paperino -pardon, Paolo Pirino- Valerio del Grosso e la brutta storia di una serata andata male

“Dunque allora no, ero co vValerio der Grosso che è ‘n amico mio che aho’ dde sopra e aho’ dde sotto e mo avémo fatto ‘na cazzata e c’è scappato er morto e ce hanno pijato tempo zzero perché semo du’ cojoni.
Mo’ sso ccazzi nostri, sémo pure ggiovani sperémo che ‘n galera nun sia come ‘n America ché artrimenti me sa che me butta male…”

Secondo un articolo de Il Messaggero, “Paolo Pirino su Facebook: tra pistole, scarface e tatuaggi. Tatuaggi, armi, Scarface, lo sguardo di sfida. Il profilo Facebook di Paolo Pirino, uno dei due fermati per la morte di Luca Sacchi, è un inno alla filosofia del ‘gangsta’ di periferia in chiave Gomorra. La foto che campeggia sulla pagina è di tre incappucciati armati e ancora più giù foto di uomini con mitra e pistole. Ed è una pistola spianata quella che Pirino ha tatuata sul petto assieme all’immagine di tre donne. Tatuaggi che Pirino sfoggia in più foto, come quello sulla mano sinistra, l’anno di nascita – 1998 – e l’effigie della Madonna. Poi tanti post con canzoni neomelodiche e frasi ad effetto e foto che ritraggono Pirino in atteggiamenti da duro, jeans strappati e giubbotti di pelle.”
Il ritratto di un cialtrone della mala latinoamericana di due generazioni fa, insomma. Uno che degli altri se ne frega, per suo stesso vanto ed ammissione.
Fra spese processuali, provvisionale e mantenimento in carcere lo ridurranno in condizioni tali che per comprare crackers e tonno in scatola dovrà aspettare i saldi.
Poi ci sarà il risarcimento in sede civile.

Aho’.

Napoli, immigrato bengalese si mette con la testa in mezzo alle sassate!

La gioventù napoletana, così esuberante e sincera,così calda di cuore e di sangue, la sera del dodici agosto si stava dedicando alla tradizionale sassaiola di mezza estate quando un immigrato bengalese con regolare permesso di soggiorno (conditio sine qua non per essere aggrediti, derubati, calpestati e derisi che i giornali non mancano mai di riportare) invece di continuare a sudare dietro le sue attività senz’altro all’insegna dell’estremismo islamico ha avuto la pessima idea di intercettare con la testa alcuni sassi.
Un gesto in-qua-li-fi-ca-bi-le che provocherà grossi guai alla nostra gagliarda gioventù. Cosa aspettiamo a rompere le relazioni diplomatiche col Bangladesh, che la sostituzione etnica riempia le nostre strade di simili incoscienti avventati che vengono a rubarci il lavoro?

Una gioventù di vibrante entusiasmo difende la Patria sulle rive di Bergeggi!

All’inizio di agosto 2019 un ragazzino francese che dormiva in una tenda su una spiaggia ligure rimane seriamente ferito da un cassonetto lasciato cadere dalla strada soprastante, alta almeno una quindicina di metri.
Confessa un ragazzino di diciassette anni.
Negli stessi giorni i sovranisti delle reti sociali sono stati aizzati contro la Francia per una inutile querelle estiva e nulla vieta di pensare che in un elemento del genere non possa vedersi un nuovo Balilla.
Molto appropriatamente armato di spazzatura anziché di sassi.

Cassonetto
giù alla vista
del ragazzo di Bergeggi;
e la patria sovranista
caccia i Franchi dai campeggi!

Era tenda quel tessuto
che dal peso si squarciò;
e il ragazzo contenuto
pien di sangue si trovò.

Vile l’occhio, svelto il passo,
chiaro il grido dell’ebbrezza;
ai nemici la rumenta,
agli amici tutto il cuor.

Son fanciulli i sovranisti
e son tanti bei cialtroni;
come siculi picciotti
o in paranza ragazzoni.

Vile è l’ansito nel petto
sitibondo di prosecco;
dalla strada il cassonetto
va la patria a vendicar.

Vile l’occhio, svelto il passo,
chiaro il grido dell’ebbrezza;
ai nemici la rumenta,
agli amici tutto il cuor.

Vile l’occhio, svelto il passo,
chiaro il grido dell’ebbrezza;
ai nemici la rumenta,
agli amici tutto il cuor.

Sono solo percoroni,
son oltraggio alla ragione;
son di mamma i bambinoni
il sovranismo li forgiò.

Con la scuola per nemica
la cultura ancor di più,
lor saranno l’arma antica
dei padroni di quaggiù.

Vile l’occhio, svelto il passo,
chiaro il grido dell’ebbrezza;
ai nemici la rumenta,
agli amici tutto il cuor.

Vile l’occhio, svelto il passo,
chiaro il grido dell’ebbrezza;
ai nemici la rumenta,
agli amici tutto il cuor.

(Sull’aria di “Fischia il sasso”, dedicata a Giovan Battista Perasso detto Balilla)

Roma: bestie straniere uccidono un carabiniere a coltellate!

Dunque, a Roma una sera qualsiasi ci sono le risorse boldriniane che ammazzano un carabiniere a coltellate.
Due bestie straniere -secondo la generosa definizione dei politici sovranisti, come se gli italiani non fossero capacissimi di fare tranquillamente di peggio- e un Mario Cerciello Rega che sembra fatto apposta per far piangere le mamme italiane: giovane, sorridente, appena sposato e tutto quanto il resto.
In capo a qualche ora vengono effettivamente rintracciati e fermati due extracomunitari.
Solo che sono due extracomunitari del tipo sbagliato perché sono nordamericani, ventenni e biondi.
Talmente integrati e talmente ossequiosi verso i valori occidentali che la prima cosa che hanno fatto una volta preso alloggio in uno hotel da duecento euro a notte è stato andare a cercare cocaina.
Christian Gabriel Natale Hjorth e Elder Finnegan Lee.
White, anglosaxon and protestant, a giudicare da nomi e cognomi.
Brutto affare, vero?

Vittoria: veicolo extracomunitario uccide un bambino e ne mutila un altro!

Il marchio Jeep è statunitense, anche se la Renegade la fabbricano a Melfi; e proprio una Jeep Renegade usata con molta disinvoltura ha messo in un grossissimo guaio il signore nella foto.
In un modo o nell’altro, un extracomunitario cui dare la colpa lo si trova sempre, che sia essere umano o oggetto poco importa, no?
Rosario Greco di Vittoria (Ragusa) ha circa trentacinque anni e ne dimostra almeno il doppio da quanto scoppia di salute: omo de panza, omo de casanza, come dicono quelli che se ne intendono.
Ora, anche i grassi hanno cominciato da magri, ma pare che il signor Greco magro lo sia stato parecchio tempo fa, visto che nel 2015, quando aveva già “precedenti per mafia” e fu arrestato perché in possesso di “un fucile a pompa americano con puntatore laser, altre parti di armi di provenienza furtiva e munizionamento illegale” aveva già un aspetto molto, molto, molto ben nutrito.
Figuriamoci se un elemento del genere si mette bello calmino, anche dopo aver provato le piacevolezze del sistema carcerario. Due anni dopo lo ribeccano mentre va tranquillamente in giro in macchina senza patente.
Poi, nell’estate del 2019, succede il patacrac e Rosario Greco la combina davvero grossa.
Ubriaco da strizzare, pieno di cocaina e con una macchinata di inutili cialtroni suoi pari si diverte per le strade di Vittoria finché non uccide un ragazzino e non ne lascia un altro mutilato delle gambe.
Scappando ovviamente come una lepre subito dopo.
Si viene allora a sapere che è figlio di un polipregiudicato capacissimo di tutto, cui hanno sequestrato beni per trentacinque milioni di euro in una provincia in cui la maggioranza della popolazione fatica letteralmente a sottrarsi all’indigenza.
Quando si guarda dall’alto in basso chi tira la giornata vendendo fazzoletti davanti ai supermarket o si ascolta interessati chi promette “prima gli italiani” sarà il caso di fare un pensiero anche a persone come questa.

Bolzano: giovani negri boldriniani delle ONG tendono un agguato a una quindicenne indifesa, la violentano e la picchiano!

O prima la violentano, poi la picchiano e alla fine le tendono un agguato, chissà se era questo l’ordine giusto. Oppure: prima l’hanno picchiata, poi le hanno teso un agguato e alla fine l’hanno violentata, chissà.
Invece no.
Ma proprio per niente.
Dopo aver mosso giornalisti, procuratori, “reti sociali” (si potrà immaginare con quali contenuti, specie dopo che due sospetti erano ovviamente stati rilasciati con tante scuse) dopo due mesi viene fuori che questa ragazzina si era inventata tutto.
Erano passati pochi giorni da una violenza vera, ordita da due giovani fascistelli di un paesino del Lazio; la notizia fu accolta dai “sovranisti” come un felicissimo diversivo.
Chissà a chi andrebbe fatto il processo, si finisce sempre per pensare in questi casi.

Manduria: extracomunitari, criminalità e degrado

Negli ultimi anni la regione Puglia ha avuto molta fortuna sul piano mangereccio e turistico: pizziche, tarallini, lini banfi e tutto il resto.
Poi si scopre che vi abbondano località isolate e zone depresse (lo si sapeva già da prima, ma lasciamo stare) dove per ingannare il tempo si possono ossessionare le persone fino ai limiti più estremi.
E, in seconda istanza, pestare individui problematici fino a fracassar loro i denti.
L’estromissione e l’esproprio anche non graduali, anche non benevoli, anche non coperti da indennizzo di un certo numero di nativi incialtroniti e tatuati e la loro sostituzione etnica con senegalesi fedeli osservanti del muridismo sarebbe un’iniziativa senz’altro costruttiva e degna della massima considerazione.

Memento Audere Semper, camerata Francesco Chiricozzi!

Aho’.
Io me chiamo Francesco Chiricozzi, ci ho vent’anni e fino ar ventinove d’aprile del 2019 ero conzigliere de Casa Pound ar Comune de Vallerano, vicino a Viterbo. Poi er conzigliere nun l’ho fatto più perché m’hanno pijato e m’hanno messo ar gabbio sicché ‘a prima cosa m’è toccato a da’ ‘e dimissioni.
Dice ho violentato una, ‘na sera, a ‘na festa a Viterbo.
Ché cce credo ce tocca anna’ a Viterbo a fa’ e’ feste: a Vallerano semo dumila persone, cosa vòi festeggia’.
Insomma, so’ ito a ‘sta festa co’ n’amico mio che se chiama Riccardo Ricci, e ce semo visti co’ qquesta camerata nostra che cce piaceva un bòtto ma nun ce stava. Proprio nun ce stava.
E io che mm’è preso nun lo so, che cc’è ppreso a tutti nun lo so proprio, ma ‘a tipa l’avémo fatta bbere e chissà avemo bevuto anco noi, nun me ricordo, nun me posso ricordà: poi insomma c’avémo provato, ma nun ce stava.
Nun c’era verzo.
Sicché dicono che l’àmo picchiata e che l’àmo fatta svenì da ‘e botte e poi violentata, ma me sembra impossibile, nun me ricordo, te dico.
‘Nzomma, poi però ci hanno bevuto loro immediatamente proprio er momento dopo, ci hanno pijato i cellulari e su uno c’era su ‘nzomma c’era della roba che nun ce doveva esse’, ecco.
E poi dopo ‘na quindicina de giorni ce so’ vvenuti a pija’ e semo finiti in galera.
E mo’ quando ‘sta storia sarà finita me ritrovo su internet anche fra vent’anni co ‘sta faccia e co’ sta fama, che anche se devo fa’ ‘n colloquio de cooperativa pe’ anna’ a lava’ ‘e scale tutti sanno che ho combinato e me sa che anche trova’ da campare sarà ‘n problema.
E nun è che posso anna’ da li camerati, quelli m’hanno scaricato subbito.
Ma a’ mattina stessa, capito?
Come te metti ‘n un casino fanno sempre così, e me sa che nun è tanto che hai fatto, è che te sei fatto becca’, capito.
Mo’ mme so’ pproprio sistemato, cor “gesto gratuito, violento e sconsiderato” de Casa Pound e der turbodinamismo.
Ché de me nun ne vojano più manco sape’.

La gioventù granitica di Manduria


Manduria è un posto vicino a Taranto, neanche tanto brutto e neanche tanto fuori dal mondo.
Però si vede che non c’è gran che da fare se per passare il tempo ci si accanisce per anni sette contro un poveraccio, al punto da spaccargli i due vetracci delle feritoie di casa e da farlo morire per l’esasperazione.
Nell’indifferenza generale.
A cose fatte arriva qualcuno con la divisa e ripulisce tutto, denunciando una dozzina di buoni a nulla per questo, questo e quest’altro.
E arrivano quelli dei giornali a intervistare mamme affrante, che forse era meglio se quella sera si bevevano una bella Coca Cola come nella barzelletta: “Signor dottore, ho bisogno di un anticoncezionale sicuro…” “Semplicissimo signora: la Coca Cola.” “Ma prima o dopo il rapporto?” “Invece, signora”.
Qualche anno fa sarebbero piovute, nelle chiacchiere da bar, considerazioni a base di terroni di merda e di forza Vesuvio. Ora la politica, che rappresenta in blocco un paese di cialtroni con le pezze al culo, ha trovato bersagli più facili.
Tuttavia a fronte di simili prodigi sociopedagogici diventa un po’ difficile accampare quelle superiorità etiche e morali che sono il corollario del “sovranismo”.
Ci sarebbe se mai da correre a nascondersi.
Una volta di più.

Milano: giovanissimo pavese in carcere per colpa di un immigrato e di un handicappato!

In questi tempi di crisi economica e di crisi sociale di cui gli immigrati sono protagonisti assoluti nel male e nel male, è ovvio che la squisita sensibilità dei giovani esca sconvolta e li porti a compiere atti anche gravi, ma sempre e solo perché provocati.
Pensa di essere nato a Pavia.
Sì, a Pavia: quella delle emozioni uniche nel loro albergo a ore.
Pensa di essere nato a Pavia e di avere vent’anni.
Ovvio che te ne allontani un tantino, anche perché nell’albergo a ore le “Camere a tema, docce con pareti trasparenti in camera ed in alcune anche con vasche idromassaggio, parcheggio ed ingresso privati” costano cinquantaquattro euro.
Quindi vai a Milano, e siccome non hai un soldo in tasca vai a ciondolare come un insaccato al Parco Nord insieme ad altri buoni a nulla come te, anche loro senza un soldo in tasca.
Mentre siete lì che non fate nulla come al solito, un ragazzino cinque anni più piccolo vi guarda.
Era quello che ci voleva per far prendere vita alla giornata: se uno vuole menare le mani o prende il pretesto del “mi ha guardato” o la vecchia scusa della sigaretta rifiutata, ma quella oggi funziona meno perché a fumare sono sempre in meno.
Quindi schiaffeggi il ragazzino -disabile, verrà fuori poi- e lo rincorri per un pezzo, finendo praticamente per ammazzarlo di botte.
Solo che la gente non si fa mai gli affari suoi, il mondo gronda telecamere e in capo a quindici giorni vengono a Pavia (passando sicuramente accanto all’albergo a ore) e ti schiodano dalla cameretta e dalla playstation o dalla musica trap o dal resto delle cose brutte ma inutili che sono la vita di tanti ventenni inutili ma violenti e violenti ma stupidi.
Prima di venire a portarti via come un extracomunitario zingaro qualsiasi, però, hanno dato una guardata ai tuoi precedenti e hanno passato tutto il malloppo a quelli dei giornali. E viene fuori che non sei solo specializzato nel picchiare gli handicappati come nella canzone degli Skiantos, ma che hai iniziato la carriera picchiando ragazzini extracomunitari in quel di Monza.
Un virgulto di virtù patria, davvero. Animato da una tale passione per le angherie da affrontare trasferte che nemmeno un pendolare.
Peccato per quella brutta uscita di scena, che sei partito con la spavalderia di un killer della mafia colombiana e in capo a due minuti ti è crollata tutta la recita e ti sei messo a piangere come un fallito qualsiasi.